Pesaro 2024 omaggia il maestro Luciano Pavarotti con una statua in bronzo
statua_pavarotti_3

PESARO 28.4.2024 - Centinaia tra pesaresi e turisti, gli amici e gli affetti più cari al Maestro, hanno assistito ieri alla scopertura della scultura bronzea, che Pesaro 2024 - Capitale italiana della cultura ha dedicato al “suo” amatissimo cittadino Luciano Pavarotti.

Oggi è un’altra giornata di festa per Pesaro 2024 - ha detto il sindaco Matteo Ricci - in un anno nel quale stiamo valorizzando l'identità della nostra provincia. Le tante persone in giro per la città ci dimostrano che siamo sulla strada giusta. Ci tenevamo molto a questo momento, Pesaro è Città Creativa della Musica UNESCO, città natale di Gioachino Rossini e “seconda” casa di Luciano Pavarotti. Un artista internazionale straordinario, che ha rappresentato il meglio dell'Italia nel mondo. Abbiamo scelto questo luogo a pochi passi dal Teatro Rossini perché diventi uno spazio della musica, dove scattare una foto da portare nel cuore per sempre. Ringrazio la famiglia Pavarotti, da oggi Pesaro è ancora più forte grazie alla sua storia che non morirà mai”.

A ricordare le tappe che hanno segnato il legame di Pesaro con il Maestro è stato il vicesindaco Daniele Vimini: “Si è esibito per la riapertura del Teatro Rossini nell’aprile del 1980 dopo 14 anni di chiusura, una ricorrenza che diede ulteriore slancio ad un progetto, quello di un festival rossiniano a Pesaro, che pochi mesi dopo vide la luce. Fu nuovamente lui, nel 1986, a incantare il pubblico del ROF con uno storico concerto in piazza del Popolo. E infine, nel 1996, fu lui a inaugurare l’attuale Vitrifrigo Arena, nella quale il Rossini Opera Festival ha allestito alcuni dei suoi ultimi maggiori successi. È stato molto vicino alla città, ricordo ad esempio la solidarietà verso il centro di Ematologia di Muraglia e, soprattutto, è stato un cantore innamorato di Pesaro, non mancava mai di rimarcarlo”.

Un amore che da oggi sarà ricordato dalla targa apposta nella base di marmo (donata da Pacifici Travertino) della scultura che cita le sue parole “Sono cittadino onorario di mille città nel mondo, ma di questa mi sento vero cittadino”.

Dall’altezza di 192cm, l’opera in bronzo, è stata collocata grazie alla collaborazione dell’assessorato al Fare di Riccardo Pozzi, all'intersezione con via Curiel, per salutare e accogliere con la sua presenza, pesaresi e visitatori che arrivando da via Branca imboccano il piazzale, invitandoli a Teatro. La statua è realizzata con la tecnica della fusione a cera persa, da Albano Poli. A presentarla è stato Andrea Mezzetti, assistente artistico del maestro Poli che ne ha riportato le parole, citando “Pavarotti artista indimenticabile del nostro Paese. Questa statua ha un obiettivo divulgativo di quello che il Maestro ha fatto e della sua capacità di portare la bellezza nel mondo, attraverso la sua voce”.

Presenti alla scopertura la moglie Nicoletta Mantovani, presidente della Fondazione Luciano Pavarotti con cui la città ha stretto un intenso legame: “Per Luciano sarebbe, è, un giorno speciale perché è ricordato da chi lo ha amato tanto. Grazie dal profondo del cuore al sindaco e al vicesindaco per quest’opera e per quello che hanno fatto per la cultura di questa città”. Un grazie commosso anche dalle figlie del tenore Giuliana e Cristina Pavarotti (sindaco e vicesindaco sono stati al loro fianco durante la posa della stella del Maestro nella Walk of Fame di Hollywood nel 2022). A partecipare anche il vicesindaco di Modena, città natale del tenore, Gianpietro Cavazza; il regista e scenografo Pier Luigi Pizzi, da 40 anni protagonista del Rossini Opera Festival che deve tanto a Pavarotti.

Il Teatro Rossini ha accolto, dopo la cerimonia della statua, alle 21, la consegna dei Pesaro Music Awards 2024, premio ideato dall'Orchestra Sinfonica Rossini, in collaborazione con il Comune di Pesaro e il sostegno di OSR Xanitalia “per quelle personalità eccellenti nel settore musicale, che hanno o hanno avuto contatti e legami con la città di Pesaro”. A ricevere il riconoscimento, nella quinta edizione degli Awards, saranno: Pier Luigi Pizzi, regista, scenografo, costumista, direttore artistico e scrittore; ItaliaFestival, l’associazione multidisciplinare formata che oggi rappresenta 43 festival italiani e 4 reti di festival; il “tenore per eccellenza”, a ritirare il premio sarà la moglie Nicoletta Mantovani, presidente della Fondazione Luciano Pavarotti.

La cerimonia è inserita all’interno del concerto dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini, guidata dal direttore residente, M° Noris Borgogelli. Il programma musicale prevede un omaggio a Giacomo Puccini, di cui nel 2024 ricorre il centesimo anniversario dalla morte.

 

Silverio Pomili www.laprovinciamarche.eu

 

REDAZIONE: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 
 
Loc_Centro_est_24_masc_x_sito
Banner
Magicar_x_sito_ott20
Banner
halitattoo_okok
Banner
Lab_Fioroni
Banner
Spazio_x_sito
Banner
Loc_scuola_calcio_x_sito
Banner
S._Stefano_x_sito
Banner
scuola_calcio_sportlandia_x_sito
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
LAPROVINCIAMARCHE.IT QUOTIDIANO ISCRITTO ALLA SEZIONE STAMPA DEL TRIBUNALE DI AP CON N. 490 - EDITORE: Editrice Programmare Via Padre S. Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - REDAZIONE: Via Padre S.Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - Tel. 3804650790 - e-mail: redazione@laprovinciamarche.it - DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei - TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI